V-4 (ex-HMS Ursula)

Immagine
Lupodimare
Messaggi: 200
Iscritto il: 07/08/2015, 19:19

V-4 (ex-HMS Ursula)

Messaggioda Lupodimare » 13/09/2020, 13:51

Immagine
Con l’armistizio firmato dall’Italia, le forze Alleate decisero per la spartizione della sua numerosa flotta. Anche all’Unione Sovietica vennero assegnate delle unità in conto riparazioni danni di guerra ma la decisione di spartire la flotta venne posposta alla conclusione del conflitto. Le immediate necessità di guerra fecero sì che i Sovietici insistettero (ottenendo) il temporaneo trasferimento di alcuni battelli alleati in temporanea compensazione per questo rinvio e tutte le unità ricevute vennero immediatamente assegnate alla Flotta del Nord.
La classe “U” britannica di piccole dimensioni era stata inizialmente costruita nel periodo ante-guerra al solo scopo addestrativo per le unità anti-sommergibile. Le prime tre unità vennero comunque dotati di tubi lanciasiluri e con lo scoppiare del conflitto la Royal Navy apprezzò ampiamente questa classe soprattutto per l’utilizzo nel Mediterraneo (tra cui il celebre HMS Upholder) nonostante le perdite elevate a seguito dell’intenso utilizzo.




V-4 (ex-HMS Ursula).

Entrato in servizio nella Royal Navy il 20 Dicembre 1938. Fu la prima unità Alleata del conflitto ad effettuare attacco con siluro, il 9 Settembre 1939, mancando lo U-35 nel Mare del Nord. Sempre nel primo anno di guerra effettuò il suo attacco più celebre, mancando l’incrociatore tedesco Leipzig (già danneggiato) ma affondando al suo posto la nave scorta F-9 che colò a picco con 120 membri dell’equipaggio. Continuò ad operare in quel teatro per poi spostarsi nel Mediterraneo, affondando altre 4 navi e danneggiandone 2 prima di essere relegato a compiti addestrativi.

Immagine
Venne selezionato per il trasferimento alla Flotta Sovietica il 9 o 10 Aprile 1944 come V-4. Preso in consegna dall’equipaggio sovietico il 30 Marzo, giunse a Polyarnoye il 5 Agosto 1944. Tutte le fonti occidentali indicano come il battello avrebbe ricevuto anche un nome individuale: “Svanezia Sovietica”, per celebrare la regione Georgiana di origine del comandante Yaroslav Iosseliani. Questa informazione è errata: il nome infatti era stato assegnato al battello S-17 anch’esso entrato in servizio nella Flotta del Nord nella fase finale del conflitto.

Come gli altri battelli ex-britannici, il V-4 venne inviato in azione ad Ottobre 1944. La sua prima operazione incluse un evento rimasto misterioso per molti anni: il 18 Ottobre 1944, navigando in superficie avvistò ed attacco inizialmente per due volte con siluri uno stesso bersaglio, centrandolo al terzo tentativo. L’equipaggio dello V-4 osservò l’attacco dalla torre identificando tentativamente la nave come una petroliera. Per molti anni la vittoria, benché senza conferme, è stata giudicata realistica dalla letteratura sovietica e poi russa: solo nel 2018 è stato possibile appurare che in effetti un peschereccio privato norvegese di 40 tonnellate era andato scomparso in quella zona con il suo proprietario. E’ plausibile che in condizioni notturne l’equipaggio del V-4 abbia sovrastimato il bersaglio (causando probabilmente i primi fallimenti coi siluri).

Decisamente più significative furono le successive azioni, già nella serata del 19 Ottobre avvistò un convoglio ma non riuscì ad attaccarlo a causa della distanza eccessiva. Nella mattinata del 20 Ottobre ebbe più fortuna: attaccando un convoglio con una salva di siluri, ne mise due a segno del cacciasommergibili UJ-1219 che colò a picco con 46 membri dell’equipaggio. Altre unità di scorta lanciarono 38 cariche di profondità ma senza esito. Nella mattinata del 22 Ottobre il battello rientrò alla base.


Il 10 Febbraio 1949 il V-4 venne restituito alla Royal Navy per poi essere smantellato nel Maggio del 1950.


Complessivamente, prestando servizio sotto bandiera sovietica, il battello aveva effettuato una singola campagna militare affondando due bersagli (un peschereccio e lo UJ-1219).








FONTI:
La maggior parte del testo è una traduzione dal sito http://www.sovboat.ru
Molte delle foto provengono dal sito. Altro materiale e informazioni/correzioni proviene da wikipedia, il sito navypedia, il forum forum.axishistory, il sito u-boat.net (meno affidabile), e sopratutto il forum russo tsushima.su.
L'autore di base di riferimento per le sopracitate fonti è Miroslav Morozov il più moderno e autorevole autore contemporaneo specializzato sulla Flotta Sovietica).

NOTA:
Correzioni, suggerimenti, aggiunte, come anche pareri o commenti o domande dettate da curiosità sono estremamente benvenuti.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network :)



Torna a “Sommergibili Sovietici II° Guerra Mondiale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti