Ronis, Spidola (ex-Lettoni) (senza successi)

Immagine
Lupodimare
Messaggi: 196
Iscritto il: 07/08/2015, 19:19

Ronis, Spidola (ex-Lettoni) (senza successi)

Messaggioda Lupodimare » 15/03/2020, 14:12

Immagine
CLASSE RONIS
I due battelli Ronis e Spidola erano stati costruiti su progetto originale in cantiere francese (design Simoneaut) per la Marina Lettone e ne rappresentavano il più potente assetto dell’immediato periodo anteguerra.
Essi presentavano caratteristiche tipiche dei design francesi (in particolare la disposizione dei tubi lancia-siluri) ma a differenza dei progetti della vicina Estonia, la piccola Marina Lettone ne prefigurò un uso interamente di difesa costiera. Alla fine essi non videro mai l’utilizzo prefigurato e l’annessione Sovietica nel 1940 non vide azioni difensive o offensive: a differenza dei battelli Estoni, i Sovietici non furono impressionati dai due battelli Lettoni, e si pianificò la conversione in unità ausiliarie.




Ronis (= Foca)

Lanciato il 6 Ottobre 1926 ed entrato in servizio nella Marina Lettone nell’anno successivo (giorno incerto), non ebbe alcun utilizzo durante l’annessione Sovietica della repubblica Baltica.

Integrato nella Flotta Sovietica il 19 Agosto 1940, il battello preservò il nome originale. Allo scoppiare del conflitto con la Germania, il battello si trovava a Libau per manutenzione insieme al gemello. Secondo fonti sovietici, i due scafi avrebbero dovuto essere convertiti in pontoni per ricarica-batterie. L’invasione Tedesca fece annullare questi piani e il 23 Giugno 1941 (o nella notte del 24) il Ronis venne semi-distrutto in porto per evitare la cattura. L’equipaggio del Ronis si unì alle difese della città: parte cadde in azione e parte venne catturato (solo tre membri si salvarono, uno di essi caduto in seguito nell’affondamento dello S-54).

I tedeschi recuperarono lo scafo nel 1942 solo per smantellarlo.



Immagine
Spidola (= nome di un personaggio di un poema epico lettone)
Lanciato il 1 Luglio 1926 ed entrato in servizio nella Marina Lettone nell’anno successivo (giorno incerto), non ebbe alcun utilizzo durante l’annessione Sovietica della repubblica Baltica.

Integrato nella Flotta Sovietica il 19 Agosto 1940, il battello preservò il nome originale. Allo scoppiare del conflitto con la Germania, il battello si trovava a Libau per manutenzione insieme al gemello. Secondo fonti sovietici, i due scafi avrebbero dovuto essere convertiti in pontoni per ricarica-batterie. L’invasione Tedesca fece annullare questi piani e il 23 Giugno 1941 (o nella notte del 24) lo Spidola venne semi-distrutto in porto per evitare la cattura. L’equipaggio dello Spidola si unì alle difese della città: quasi interamente caduto in azione e solo una parte venne catturato (due membri dell’equipaggio catturati sopravvissero al conflitto).

I tedeschi recuperarono lo scafo nel 1942 solo per smantellarlo.





FONTI:
La maggior parte del testo è una traduzione dal sito http://www.sovboat.ru
Molte delle foto provengono dal sito. Altro materiale e informazioni/correzioni proviene da wikipedia, il sito navypedia, il forum forum.axishistory, il sito u-boat.net (meno affidabile), e sopratutto il forum russo tsushima.su.
L'autore di base di riferimento per le sopracitate fonti è Miroslav Morozov il più moderno e autorevole autore contemporaneo specializzato sulla Flotta Sovietica).

NOTA:
Correzioni, suggerimenti, aggiunte, come anche pareri o commenti o domande dettate da curiosità sono estremamente benvenuti.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network :)



Torna a “Sommergibili Sovietici II° Guerra Mondiale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti