La Marina Mercantile Giapponese in Guerra

Avatar utente
Comgrupsom
Site Admin
Messaggi: 185
Iscritto il: 15/07/2015, 14:56
Contatta:

La Marina Mercantile Giapponese in Guerra

Messaggioda Comgrupsom » 07/11/2015, 10:53

Immagine

Il Comando GRUPSOM PRESENTA


Immagine


di Guglielmo Lepre - (C.te Etna)


ANTEPRIMA........


La Marina Mercantile Giapponese in Guerra



Non c'è guerra che non abbia dimostrato la vitale importanza di possedere una flotta mercantile ben organizzata,efficiente e possibilmente moderna.
Abbiamo già trattato il tema mercantile più volte,soffermandoci in particolare su
quella italiana e tedesca dando altresì rilievo ai cosiddetti "violatori di blocco" , e fra questi, i Raiders della Marina Imperiale Giapponese.
Nelle pagine seguenti tratteremo l'argomento in epigrafe afferente ad un periodo ben preciso, vale a dire agli anni del drammatico II conflitto mondiale.
Al termine della guerra,quando ormai i venti procellosi s'erano abbonacciati,sia da parte dei militari sia da parte degli storici, prese il via , more solito , una sorta di esegesi volta a dare luce e risposte sull'intero periodo bellico nipponico.
Non fu opera agevole dacchè la mentalità e la cultura giapponese era avulsa dal trovare analoghi riscontri in altre nazioni : a titolo meramente indicativo , la dottrina militare
nipponica era incentrata prevalentemente sull'offensivismo tralasciando significativamente il concetto di difesa ,riducendolo ad un fatto circostanziale,non previsto, e comunque affrontabile nell'ottica degli antichi Samurai che non avevano in gran conto il valore della vita umana,o meglio , ne davano un valore totalmente diverso dalle culture occidentali e d'oltremare.
Ogni sforzo fu volto allo sviluppo della linea da battaglia della Marina Imperiale da guerra ,ritenuta di imprescindibile importanza per sostenere l'espansionismo nipponico.
Cacciatorpediniere,unità minori di scorta,dragamine,sommergibili................non rientravano ,se non in misura ridotta , nella dottrina d'impiego della Flotta da guerra,se non in diretta dipendenza di quest'ultima.
La Marina Mercantile ebbe a soffrire ugualmente di scarsa attenzione da parte degli strateghi nonostante la pur evidente necessità di trasporti atti sia a garantire le importazioni di materie prime che al Giappone difettavano sia a garantire il rifornimento della linea del fronte così notevolmente lontano dalle basi nazionali.
In effetti, le navi commerciali , in ogni epoca e collocazione geografica , sono sempre state un "affare" strettamente privato che riguardava quasi esclusivamente armatori e società di navigazione . L'unica nazione a dotare la propria marina da guerra di unità specializzate da adibire al trasporto di truppe, rifornimenti , idrocarburi etc.. furono gli Stati Uniti.
Tutte le altre nazioni ,per necessità tattiche e strategiche, ricorsero tout court alle requisizioni di naviglio mercantile privato e in qualche caso,anche statale ove esistente.
Fra le tante cause del disastroso epilogo dell'avventura bellica giapponese va ascritta certamente la esiziale sottovalutazione del potenziale industriale del nemico.
"The battle fleet always came first" ,sancì irrefutabilmente uno dei tanti studi post bellici.
Da questa dottrina nacque una lunga serie di errori e di scelte imprevidenti.
S.E. Morrison,noto storico statunitense della 2GM, citando Von Clausewitz e Mahan, giunse alla conclusione che l'obiettivo principale di un paese in guerra dovesse essere quello di distruggere la flotta avversaria. L'errore drammatico dei vertici della Marina Imperiale fu quello di cercare continuamente la "battaglia decisiva" sorvolando serenamente su ogni altro aspetto di una guerra navale moderna ,non ultimo la necessità di proteggere il proprio traffico marittimo . Il ricordo della battaglia di Tsushima,purtroppo, dominava ancora e largamente ,la mente dello Stato Maggiore della Marina Imperiale.
I vertici militari giapponesi,per tutta la durata del conflitto, continuarono a parlare di
"battaglia" e non di "guerra" , concetti del tutto diversi dal punto di vista strategico.
La falcidia del naviglio mercantile ,mai sufficientemente scortato e facile preda degli agguerriti sommergibili americani, fu la più immediata e inevitabile conseguenza di questa mancanza di strategie a lungo termine.
Una inutile quanto crudele ironia si poteva percepire dalle raccomandazioni dei comandanti dei distretti navali ai comandanti dei mercantili in partenza :
" Fate attenzione là fuori che ci sono i sommergibili . Siate prudenti" !!!!


Si rende noto che il presente lavoro è stato Depositato sia su supporto magnetico sia in formato cartaceo, presso uno studio legale di fiducia onde tutelarne la proprietà letteraria ed evitare il ripetersi di meschine ed indebite appropriazioni , come già accaduto in passato.Il materiale è a disposizione di chiunque intenda farne oggetto di studio o consultazione,ma si fa esplicito divieto di utilizzo per meri fini di Lucro o Commerciali e comunque mai senza previa autorizzazione dell'autore.


CONTINUA.............

Clicca IMMAGINE per Continuare la LETTURA
Immagine
Immagine

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network :)



Mas500
Messaggi: 7
Iscritto il: 08/08/2015, 10:11

Re: La Marina Mercantile Giapponese in Guerra

Messaggioda Mas500 » 11/11/2015, 15:28

Come ormai ci ha abituati il C.te Etna un'articolo che ECCELLE,Grazie.

Mas500


Torna a “Rilasci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti