L-13, L-14, L-17, L-18 classe Leninista serie XIII (senza successo/inattivi)

Immagine
Lupodimare
Messaggi: 188
Iscritto il: 07/08/2015, 19:19

L-13, L-14, L-17, L-18 classe Leninista serie XIII (senza successo/inattivi)

Messaggioda Lupodimare » 13/01/2019, 16:44

Immagine

La Flotta Sovietica ereditò da quella della Russia zarista un notevole interesse per i sottomarini posamine (i Russi erano stati pionieri in questo campo, con la costruzione e i successi in guerra del sottomarino Krab): l’affondamento del sottomarino britannico L-55 durante la Guerra Civile e il successivo recupero e rientro in servizio nel 1931, fornirono ai Sovietici le basi per costruire una classe dotata di buone dimensioni e qualità e che fosse però primariamente dedita alla posa di mine in acque nemiche, compiendo inoltre un qualitativo passo in avanti rispetto alla classe Decembrista. La classe di dimostrò di successo in guerra: i tre migliori sottomarini sovietici per successi numerici (L-3, L-4 e L-21) erano tutti parte della classe.


Terza variante della classe, la Serie XIII, venne sviluppata come diretta conseguenza dell’esperienza ottenuta con la precedente variante (Serie XI) costruita per la Flotta del Pacifico.
La costruzione venne semplificata, per velocizzare il trasporto delle diverse componenti. Lo scafo ricevette una riprogettazione generale del design che incluse (tra le altre cose) un allungamento di cinque metri, ottenendo un incremento sia in velocità che in autonomia e profondità massima. Un riposizionamento di due tubi lancia-siluri ridusse tuttavia la capienza massima di mine trasportate a bordo (da 20 a 18): questo problema non ebbe conseguenze pratiche nel conflitto e venne corretto nella successiva ultima variante della classe.





L-13
Entra in servizio il 3 Ottobre 1938 nella Flotta del Pacifico.

A Gennaio 1940 fece dei test in immersione sotto calotta di ghiaccio, superando i record stabiliti precedentemente.

Allo scoppiare del conflitto con il Giappone, non prese parte alle ostilità.

Ritirato dal servizio e smantellato nel 1958.



L-14
Entra in servizio l’11 Ottobre 1938 nella Flotta del Pacifico.

Ebbe due incidenti da collisione: il 23 Marzo 1942 si incagliò a causa di fitta nebbia, il 7 Gennaio 1943 ebbe una collisione con il dragamine Tszcz-20.

Allo scoppiare del conflitto con il Giappone prese il mare ed effettuò una singola campagna in acque coreane, senza incontrare potenziali bersagli.


Benché ritirato dal servizio nel 1959, lo scafo non venne smantellato fino agli anni ‘80s.




Immagine
L-17
Entra in servizio il 5 Giugno 1939 nella Flotta del Pacifico.

Il 25 Aprile 1942 il battello ebbe una collisione in porto con lo L-8 ricevendo solo danni minori, ma il comandante ritenendosi erroneamente responsabile si tolse la vita.

Allo scoppiare del conflitto con il Giappone prese il mare ed effettuò una singola campagna in acque coreane.
Il 9 Agosto 1945 avvista un dragamine giapponese e inizia la manovra di attacco ma l’improvvisa comparsa di un aereo nemico costrinse all’immersione e l’occasione andò perduta.

Benché ritirato dal servizio nel 1958, lo scafo non venne smantellato fino all’inizio degli anni ‘90s.




Immagine
L-18
Entra in servizio il 10 Ottobre 1939 nella Flotta del Pacifico.

Allo scoppiare del conflitto con il Giappone, venne selezionato per essere una delle unità impegnate nello sbarco nell’isola settentrionale giapponese di Hokkaido.
Il 18 Agosto 1945 imbarcò 60 soldati scelti, 2 cannoncini da 45mm, munizioni e viveri. Partito insieme allo L-11 (anch’esso carico di truppe speciali, armi e munizioni), giunse a metà del tragitto l’ordine da Mosca di interrompere l’operazione: lo L-18 diresse quindi verso l’isola di Sakhalin, rafforzando le forze sovietiche impegnate nella conquista del porto di Maoka (oggi Kholmsk).
Immagine
Foto dello L-11 e L-18 in secondo piano a Maoka, in primo piano sono visibili due motosiluranti G-5.
Il piano originale (sbarcare ad Hokkaido) venne cancellato all'ultimo minuto per ovvie ragioni politiche.

Ritirato dal servizio e smantellato nel 1958.






FONTI:
La maggior parte del testo è una traduzione dal sito http://www.sovboat.ru
Molte delle foto provengono dal sito. Altro materiale e informazioni/correzioni proviene da wikipedia, il sito navypedia, il forum forum.axishistory, il sito u-boat.net (meno affidabile), e sopratutto il forum russo tsushima.su.
L'autore di base di riferimento per le sopracitate fonti è Miroslav Morozov il più moderno e autorevole autore contemporaneo specializzato sulla Flotta Sovietica).

NOTA:
Correzioni, suggerimenti, aggiunte, come anche pareri o commenti o domande dettate da curiosità sono estremamente benvenuti.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui Social Network :)



Torna a “Sommergibili Sovietici II° Guerra Mondiale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite